Un castello Marcondirondirondello

Realizzato da Primaria V. Oldano e Secondaria Ollandini – I.C. di Alassio

Esperto: Dott.ssa Sonia Angarano

Tutor: Maestra Simonetta Tassara

Date di svolgimento: 01/06/2019, 9.00-12.30; 08/06/2019, 9.00-12.30; 17/06/2019, 9.00-12.30; 21/06/2019, 9.00-12.30; 26/06/2019, 9.00-12.30; 14/09/2019, 9.00-12.30; 21/09/2019, 9.00-12.30; 28/09/2019, 9.00-12.30; 05/10/2019, 9.00-11.00.

Contenuti

Durante gli incontri con i ragazzi si è affrontata la scoperta e l’analisi  del libro d’artista, attraverso l’esplorazione concreta di prototipi realizzati dall’esperta Sonia Angarano, nonché di numerosi esempi multimediali di autori quali Bruno Munari. In seguito si è progettato e realizzato un libro  che è diventato il  medium per comunicare le conoscenze acquisite dopo un’uscita didattica sul territorio  al Castello Celesia e alla Torre di Vegliasco, quest’ultima strettamente collegata alla Leggenda di  Adelasia sulla nascita di Alassio.

La costruzione di un libro d’artista  con i bambini  è stato un viaggio dentro  un racconto storico e visivo, attraverso l’osservazione, la lettura , l’uso della parola scritta e la manipolazione creativa di diversi materiali. Carta, disegni, riproduzioni di antiche mappe,  tempera, acquerelli, pennarelli, fotocopie, stoffa, cortecce e parole  hanno comunicato un loro linguaggio specifico per raccontare ed emozionare attraverso un racconto materico artistico. 

Lavoro di progetto

È stato svolto , da parte dell’esperta e del tutor, un lavoro pregresso di documentazione storica sulla torre di Vegliasco e sulla leggenda ad essa legata, cercando di individuare i contenuti  maggiormente caratterizzanti e comprensibili per la fascia d’età dei bambini coinvolti.

Ad ogni partecipante  è stato fornito un opuscolo informativo con la descrizione dei principali monumenti storici presenti sul territorio alassino e con il testo della Leggenda di Adelasia.

L’esperta, attraverso un’approfondita ricerca iconografica, attenta alla coerenza dello stile delle immagini, ha prodotto materiale fotocopiato, relativo al contesto storico della leggenda,  e utilizzato durante il laboratorio.

Lavoro di squadra

La scelta  di costruire un unico e grande libro d’artista ha fatto sì che la creazione delle tavole e della copertina , sia stata  un’azione collettiva e cooperativa. Ogni soggetto coinvolto ha partecipato producendo materiale grafico-pittorico idoneo e compatibile con  il lavoro degli altri , tenendo  conto delle specifiche e più evidenti abilità artistiche di ciascuno ma lasciando spazio a proposte individuali.

L’organizzazione del materiale e la sua cura  sono stati momenti di coinvolgimento di tutti i ragazzi in ogni incontro avvenuto.

Prodotto finale

È stato costruito un grande libro d’artista cioè  un “contenitore” che, pur mantenendo le caratteristiche del libro, si può trasformare attraverso l’uso di colori, materiali, tecniche, forme, ed impaginazioni creative, in un  vero e proprio oggetto d’arte.

Il manufatto si presenta sotto forma di una grande scatola di cartone raffigurante la Torre di Vegliasco che funge da copertina, contenente 8 tavole cartonate della dimensione di fogli A3.

Le tavole sono state realizzate con  tecniche grafico pittoriche miste. Fogli con campiture di colore pitturati con tempere, acrilici ed acquerelli, pastelli a cera e ad olio, sono stati utilizzati per sfondi e inserti a collage. Così come ritagli di stoffa, carta da pacchi, carte colorate, acetato, cartone ondulato e cartoncino. Le fotocopie raffiguranti i personaggi ed i luoghi sono state colorate con matite ed impreziosite da stoffe e carta di riso e foglia d’oro.

Alcune tavole hanno uno sviluppo tridimensionale con ante, finestrelle apribili con spago o tiretti e pop up ed altre vedono anche l’utilizzo di materiale vegetale e fil di ferro.

Gli elaborati sono stati costruiti con appoggi posteriori, così da poter essere disposti in posizione verticale. Ed ecco che si trasformano in un teatro immaginario.

 

Il libro

Obiettivi

In generale, durante gli incontri si è cercato di attivare nuovi processi educativi e formativi legati al carattere interattivo e interdisciplinare del libro d’artista.

Gli obiettivi particolari sono stati quelli della scoperta e della conoscenza del patrimonio artistico culturale presente sul territorio alassino (Torre di Vegliasco e Castello Celesia), nonché quelli della conoscenza e dell’analisi della Leggenda di Adelasia, cercando di inquadrala in un contesto storico  più ampio (il Medioevo).

Metodologie

Abbiamo applicato i principi della didattica laboratoriale per creare un   momento  educativo  efficace dal punto di vista della relazione, degli strumenti e dei materiali usati.

Questa metodologia ha coinvolto  i docenti e gli studenti in un percorso di costruzione di conoscenze storiche e di sviluppo di abilità e competenze tecniche artistiche.  È importante sottolineare che nella didattica laboratoriale l’attenzione  si pone sulla relazione educativa , sulla motivazione, sulla curiosità, sulla partecipazione, sulla problematizzazione, sulla socializzazione e  sulla cooperazione e non solo sulle abilità tecniche da acquisire.

Un’ idea di didattica che trova il suo fondamento nel metodo muraniano.

Valutazione

La valutazione del lavoro svolto è avvenuta :

  • attraverso l’osservazione delle dinamiche relazionali intercorse tra alunni di diverse classi ed età (classe quinta Scuola Primaria e Classe I Scuola Secondaria di primo grado);
  • attraverso l’osservazione delle capacità di trovare soluzioni creative e tecniche nella realizzazione delle tavole del libro;
  • attraverso l’analisi delle abilità individuali di tradurre graficamente le sequenze narrative della leggenda ;
  • attraverso l’osservazione della capacità di ri-produrre e ri-proporre le tecniche acquisite adattandole a nuove esigenze comunicative.

Competenze Trasversali Maturate

Conoscere e  rispettare il patrimonio storico e artistico.

Conoscere la  realtà storico-artistica del proprio territorio di vita.

Collocare l’arte nel suo contesto storico-culturale, riconoscendo le forme artistiche nel tempo.

L’interagire in gruppo, comprendendo i diversi punti di vista, valorizzando le proprie e le altrui capacità, gestendo la conflittualità, contribuendo all’apprendimento comune ed alla realizzazione delle attività collettive, nel riconoscimento dei diritti fondamentali degli altri.

Galleria